Pomeriggi d’agosto (in ufficio)

Silenzi di scrivanie nuvole d’apatia. Musica che tergiversa sui pensieri insopportabile convivenza. Tacchi dorati, appaiati, accanto alla sedia. Gambe seminude, libere da costrizioni accoppiate. Solo per oggi. Solo per agosto.   

Sete

Beh eccomi approdata, novella Ulisse, a questa ex-nicchia del mondo web! E chi l’avrebbe detto che da un’emila contadina sarei riuscita addirittura ad aprire un blog! anche se ho già capito che aprirlo è semplice…gestirlo mi richiederà molto molto impegno! Cosa mi ha spinto? sete, sì. Non quella sete che potrebbe rendermi mimo troppo scontanto dei monologhi adriani ma una … Continua a leggere